Vasi Vintage

vasi vintageChe si tratti di un prezioso vetro dei primi del novecento o di una divertente ceramica anni sessanta, un vaso vintage è non solo bello da vedere e non privo di utilità: più di ogni altro oggetto trattato in questo sito , è perfetto anche per chi vuol fare un regalo interessante.

Non tutti possono permettersi i sempre più rari Gallè, con le superfici iridescenti, in cui il vetro sembra emanare dai violetti e dagli ocra eteree silhouttes vegetali, o i glaciali, fantastici Lalique o ancora i Daum con la pasta di vetro plasmata a dar vita a coralli, radici, sembianze umane; naturalmente non vanno trascurati i vasi di Murano, tanto più che ai modelli più classici si sono egregiamente alternati a sperimentazioni più o meno audaci, dalle forme bolidiste alle intrusioni in technicolor. Spostandosi sulla ceramica, è noto che in Italia sono numerose le città dove prospera l’artigianato artistico, da Montelupo a Deruta, da Faenza a Vietri. In queste località non sono state solo prodotti vasi classici ad esempio su modello rinascimentale: colori e forme si sono mescolati rispettando la tradizione e contemporaneamente innovandola.

Ma esistono molti vasi che non portano un marchio riconoscibile o non hanno un acclarato pregio artistico, tuttavia offrono con garbo strutture intriganti e svolgono alla perfezione il loro compito: contengono i fiori…con coerenza all’arredo vintage.

Sfogliando le riviste, si noterà come non solo i grandi vasi irrompono in soggiorni, salotti e cucine, perché si vedono sempre più sfilate di minuscoli vasetti, mentre boccette di profumo, bicchieri spaiati, boccali, tazze, brocche e tanti altri recipienti assumono ruolo di portafiori, specie se presentati in gruppo su una mensola, su un mobile, o su un runner colorato che attraversa la tavola.

Dal rigattiere, si possono anche trovare vasi metallici, sbalzati o variamente decorati.

No Comments

Post A Comment