Scarpe Vintage

scarpe vintageLe scarpe vintage, siano esse opere dell’abilità artigianale o produzioni che segnano un’epoca per la loro diffusione capillare, sono oggetti emblematici di un tempo, spesso destinate a vivere nei ricordi molto più a lungo che nell’uso concreto. Indossare scarpe vintage, se prendiamo il termine nella stretta accezione di oggetto d’epoca, non è facile: salvo accaparrarsi fondi di magazzino- fortuna che può capitare se si fiutare occasioni d’oro come lo smantellamento di qualche negozio di lungo corso- le calzature tendono a deformarsi, indurirsi, a portare i segni dei passi dei precedenti proprietari. Gli amanti della moda vintage possono sfogarsi con le riedizioni, visto che ce ne sono per ogni tipo di look: dal classico sportivo delle Adidas o delle AllStar, alle seducenti, alte francesine ( o parigine) con i lacci, o alle peep toe aperte in punta, dalle ballerine effetto sixties alle vezzose bebè con piccolo cinturino alle Belle de jour (così chiamate in omaggio al film) con la fibbia rettangolare e ai sandali Chanel, bicolori. Anche le forma di plateaux, zeppe e tacchi gioca a richiamare il passato, con le forma più massicce degli anni ’40, i maliziosi rocchetti, gli zoccoli da figli dei fiori e chi più ne ha più ne metta.

Anche nel magnifico mondo delle scarpe esistono firme con una lunga storia e sostanzialmente senza tempo: Ferragamo e Fratelli Rossetti, ad esempio. Vale la pena di comprare scarpe di qualche decennio fa se appunto sono firmate, o se portano etichette interne che ne comprovano la realizzazione su misura in una di quelle botteghe oggi pressoché scomparse, oppure se si condivide un certo gusto estroso che porta a farne elementi decorativi, utilizzandole come soprammobili, magari appoggiate su una scatola originale.

No Comments

Post A Comment